Archivio per fitto

Tiriamo le somme

Posted in Commenti with tags , , , , , , , , on maggio 18, 2008 by Redazione

Tutto il Paese sta lodando questo governo per l’aria di novità che spira dopo la sua elezione. Si???
Possiamo dire che il nuovo governo è forse quello più “a contatto” con la giustizia? Un rapido riepilogo:

  1. Silvio Berlusconi – più volte indagato, uscito dalla maggior parte dei processi per prescrizione o perché “il fatto non è più reato” (ora, ma prima?)
  2. Gianni Letta – ha dichiarato di aver finanziato illecitamente il PSDI, reato amnistiato
  3. Umberto Bossi – condannato in via definitiva per finanziamento illecito
  4. Raffaele Fitto –  rinviato a giudizio insieme ad Angelucci per concorso in corruzione e illecito finanziamento ai partiti, oltre falso e peculato
  5. Roberto Castelli – è indagato dal tribunale di Roma per abuso d’ufficio per alcune consulenze in seno al Ministero della Giustizia durante il secondo governo Berlusconi. Grazie al voto in Senato del dicembre 2007, ha avuto l’immunità totale. La Corte dei Conti lo ha condannato, per gli stessi fatti, a rimborsare un danno di quasi 99.000 euro, contestandogli altri 400 mila euro
  6. Franco Frattini – censurato dall’Europarlamento per le sue esternazioni contro la libertà di movimento delle persone nella UE
  7. Roberto Maroni – dichiara nel 2006 di scaricare musica illegalmente dal Web

 

Il Nuovo – Raffaele Fitto

Posted in Dati with tags , , , , on maggio 11, 2008 by Redazione

Raffaele FittoNew entry nel governo del Berlusca, ma spesso si considera nuovo quello che è giovane, ma nuovo dovrebbe significare altro.
Raffaele Fitto è il nuovo ministro per gli Affari Regionali, per la sua grande esperienza in questo settore.
Ex Presidente della Regione Puglia, è indagato dalla Procura di Bari per corruzione, falso e illecito finanziamento ai partiti.
Il 20 giugno 2006 la Procura di Bari ha chiesto alla Camera dei Deputati gli arresti domiciliari di Fitto con l’accusa di illecito affidamento dell’appalto di gestione di undici residenze sanitarie di proprietà dell’imprenditore romano Giampaolo Angelucci, famoso per le tante cliniche private.
Secondo l’accusa, Angelucci avrebbe versato una tangente di 500.000 euro alla lista di Fitto in occasione delle elezioni regionali del 2005, in cambio di favori illeciti per vincere l’appalto da 198 milioni di euro per la gestione delle undici residenze sanitarie della Regione Puglia.
Il parlamento, tuttavia, ha respinto l’autorizzazione a procedere con l’arresto con 457 voti favorevoli, 1 contrario, dello stesso Fitto, e 2 astenuti.
Il 22 dicembre 2007 la Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio di Fitto e di Angelucci, accusati di concorso in corruzione e illecito finanziamento ai partiti.
Le accuse per Fitto riguardano anche i reati di falso e peculato.

Riferimenti: Wikipedia